giochi educativiSi parla tanto di resilienza di questi tempi ma cosa sappiamo in realtà su questa capacità o atteggiamento che l’uomo può avere già in sé o che comunque può cercare di sviluppare? E soprattutto, possiamo insegnarla ai nostri figli?

Noi tendiamo a idealizzare l’infanzia come un periodo spensierato, ma la gioventù da sola non offre alcuna protezione contro ferite e molti bambini devono affrontare già a questa età traumi emotivi. Le difficoltà che si trovano ad affrontare vanno dal doversi adattare in una nuova classe, a compagni bulli che iniziano a schernirli o problemi e difficoltà che incontrano nella loro stessa famiglia. Aggiungete a ciò le incertezze che sono parte della crescita, e l’infanzia può essere un momento della vita non certo spensierato come dovrebbe essere. La capacità di crescere, maturare e resistere, nonostante queste sfide nasce dalle capacità di resilienza.

La buona notizia è che le abilità di resilienza possono essere apprese.

Cercare nuove opportunità per la scoperta di sé Tempi duri sono spesso i tempi in cui i bambini imparano più su se stessi. Aiutate vostro figlio a dare un’occhiata a come tutto ciò che si trova ad affrontare lo può insegnare “ciò che è fatto.” A scuola, in considerazione importanti discussioni di ciò che ogni studente ha imparato dopo rivolto verso il basso una situazione difficile. Accettare che il cambiamento è parte della vita Cambiare spesso può essere spaventoso per i bambini e ragazzi. Aiutate vostro figlio a vedere che il cambiamento è parte della vita e nuovi obiettivi in ​​grado di sostituire gli obiettivi che sono diventati irraggiungibili. A scuola, sottolineano come gli studenti sono cambiati in quanto si sono alzati in livelli di grado e discutere di come questo cambiamento ha avuto un impatto sugli studenti.i

Insegnate ai vostri figli come farsi degli amici.

Incoraggiate vostro figlio a essere un amico, al fine di avere lui stesso degli amici. Costruite una forte rete familiare per sostenere il vostro bambino durante le sue inevitabili delusioni e difficoltà. A scuola, gli insegnanti dovrebbero vigilare affinché un bambino non venga isolato dagli altri. Avere dei rapporti sociali stabili fornisce un sostegno e rafforza la resilienza.

Insegnare ad aiutare gli altri

Dovreste incoraggiare i bambini ad aiutarsi tra loro e soprattutto quelli che sono più indifesi o deboli. Coinvolgete vostro figlio in attività di volontariato adatte alla sua età, o chiedetegli aiuto voi stessi dandogli da svolgere qualche compito che lui o lei possono padroneggiare. A scuola,sarebbe utilissimo sviluppare tutti insieme delle idee sui modi in cui si possono aiutare gli altri.

Mantenete una routine quotidiana.

Attenersi a una routine può essere confortante per i bambini, soprattutto i bambini più piccoli che si sentono tranquillizzati dal fatto di conoscere quello che accadrà nell’arco della giornata perché tutti i giorni sono praticamente simili.

Prendersi una pausa.

Così come è importante costruire una routine giornaliera, altrettanto è importante prendersi una pausa. Insegnate al vostro bambino come concentrarsi su qualcosa di diverso da ciò che lo preoccupa. Dovreste essere consapevoli di ciò che il bambino teme o di quello che lo può preoccupare: Sia che si tratti di brutte notizie o conversazioni udite, l’importante che i bambini riescano a distaccarsi per un po’ di tempo dalle loro preoccupazioni. Anche se le scuole sono ritenute responsabili per l’aumento dello stress in quanto sono comunque un luogo di verifiche continue, sarebbe importante trovare attività creative in cui gli studenti possano scaricare le proprie tensioni.

Insegnate ai vostri figli la cura di sé.

Cercate di dare un buon esempio insegnando al vostro bambino l’importanza di mangiare correttamente, fare esercizio fisico e concedersi del riposo. Assicurarsi che il bambino abbia il tempo di divertirsi, e assicurarsi che a vostro figlio rimangano dei  “tempi morti” per rilassarsi. Prendersi cura di se stessi e anche divertirsi aiuterà il vostro bambino a conservare un giusto equilibrio tra impegni e i periodi di stress.

Cambiare i propri obiettivi.

Insegnate ai vostri figli a fissare obiettivi ragionevoli e poi a raggiungerli un passo alla volta. Muoversi verso un obiettivo – anche se si tratta di un piccolo passo – e ricevendo elogi per farlo lo incoraggerà, facendolo concentrare su quello che ha compiuto, piuttosto che su ciò che non è stato fatto, e può aiutarlo a sviluppare la tenacia ad andare avanti di fronte alle sfide. A scuola, dividere i grandi compiti in piccoli obiettivi raggiungibili per i bambini più piccoli, e per i bambini più grandi, riconoscere i progressi fatti sulla strada verso grandi obiettivi.

Coltiva l’autostima.

Aiutate vostro figlio a ricordare i modi in cui ha gestito con successo le difficoltà del passato e poi aiutatelo a capire che queste sfide gli hanno dato la forza per gestire anche le sfide future. Aiuta il tuo bambino ad imparare a fidarsi di se stesso per risolvere problemi e prendere decisioni appropriate. Insegnate ai vostri figli a vedere l’umorismo nella vita, e la capacità di ridere di se stessi.

Mantieni una visuale positiva.

Anche quando il bambino si trova ad affrontare eventi molto dolorosi, dovreste aiutarlo a guardare la situazione in un contesto più ampio, una prospettiva a lungo termine. Certamente per un piccolo non è facile riuscire ad avere una prospettiva a lungo termine e, quindi, dovete essere voi genitori ad aiutarlo a vedere che c’è un futuro al di là della situazione attuale e che il futuro può essere buono. Una visione ottimistica e positiva permette al bimbo di vedere le cose buone della vita e andare avanti anche nei momenti più difficili. A scuola,lo studio della storia aiuta a far vedere come la vita e il progresso vano avanti anche dopo eventi negativi.

Cercare nuove opportunità per la scoperta di sé.

I tempi più duri sono spesso i tempi in cui i bambini imparano più cose su se stessi. Aiutate vostro figlio a capire come le difficoltà che sta vivendo gli possono insegnare qualcosa su se stesso e sugli altri. 

Accettare che il cambiamento è parte della vita.

Cambiare spesso può essere vissuto con paura dai bambini e i ragazzi. Aiutate vostro figlio a capire che il cambiamento è parte della vita e che nuovi obiettivi sono necessari per sostituire quelli che sono già stati raggiunti.